welcome1

Disegni di Bortusk Leer – www.bortusk.com

L’arte da sempre rappresenta la realtà e la sua estetica introducendo di continuo dei cambiamenti, delle provocazioni, delle innovazioni. L’arte ci insegna il coraggio necessario per portare le nuove idee al giudizio collettivo.

Art has always represented the reality and its aesthetics intoducing continuosly changes, provocation, innovations. The art teaches us the courage to bring news ideas to the collective judgment.

INCENTIVI 4.0 E SVILUPPO

(TRASFORMAZIONE DIGITALE)

 

Dopo il varo del piano nazionale Industria 4.0 accompagnato da un articolato sistema di incentivi, le imprese hanno ricominciato ad investire e questo è un bel segnale.
Ci sono però alcuni aspetti preoccupanti sul fronte della qualità degli investimenti. Il ritardo con cui siamo partiti e l’arco temporale ristretto previsto dalle attuali agevolazioni non lascia molto tempo per lavorare su piani di intervento convincenti

Tra Innovation Hub e Competence Center ancora in attivazione e nonostante lo sforzo lodevole di Università ed Associazioni industriali nell’organizzare eventi aperti sull’argomento, la comunicazione, in particolar modo verso le piccole imprese, resta ancora insufficiente

Questa carenza di informazione, accompagnata dalla frenesia con cui una certa offerta di prodotti e servizi è stata convertita in ottica 4.0, rischia di confondere e di far saltare una fase importante della pianificazione di questo tipo di investimenti che dovrebbe scaturire prima di tutto da analisi strategiche e dall’adeguamento dei modelli di business alla nuova dimensione digitale della manifattura, un passaggio non da poco.

Dietro questa rinnovata visione strategica si nasconde infatti il vero ritorno degli investimenti in Industria 4.0 che altrimenti rischiano di diventare l’ennesimo acquisto agevolato di tecnologia di automazione che per quanto avanzata resta orientata all’innovazione di processo e di prodotto in piena ottica 3.0.

Anche se questo è un bene, da solo non può portare vantaggi paragonabili a quelli che raggiungeranno le imprese virtuose che hanno saputo cogliere il vero spirito della “fabbrica intelligente”, e che guadagneranno importanti vantaggi competitivi.

La sfida vera di industria 4.0 si giocherà pertanto nei prossimi anni, sperando in rinnovate agevolazioni e confidando che, una volta compreso il vero valore di questa rivoluzione, le imprese la sappiano perseguire ad ogni costo, incentivi o non incentivi, con lo spirito che merita una vera rivoluzione.

Costanzo Baiguera